scarpe per bambini

Scarpe invernali per bambini: come e quali scegliere

Condividi

Quali scarpe invernali per bambini acquistare? I bimbi, si sa, crescono in fretta e spesso ci si affanna ad accompagnare il loro sviluppo con un guardaroba adeguato. In questa guida vedremo i migliori modelli per ogni età, i materiali più funzionali e le offerte disponibili online.

Scarpe invernali per bambini: come e quali scegliere

La scarpa invernale più adeguata per essere portata tutti i giorni è quella indicata in caso di cattivo tempo, come pioggia, neve e gelo. Che coprano dal freddo e garantiscano una buona aderenza in tutte le condizioni. Dunque meglio con suola antiscivolo, parte anteriore morbida, così da accompagnare il movimento e parte posteriore rigida a supporto del piede.

I tipi di scarpe

I modelli e tipologie di calzature per bambini sono davvero tantissimi: dalle sneakers sportive in pelle o tela, alle scarpe più invernali che proteggono il piede.

Sneakers – Probabilmente la soluzione più pratica e più ovvia quando ci si trova a dover acquistare una calzatura per bambini. Si tratta infatti di un modello comodo e robusto, capace di garantire una buona protezione dal freddo e dagli urti. Per questo tipo di scarpa esistono tantissime marche modelli, a riguardo potete dare un’occhiata all’ampio catalogo disponibile su veoveobabyshop.it.

Scarponcini – Scarpe alte più o meno fino al malleolo. Nella stagione invernale sono molto usati perché una delle calzature migliori dal punto di vista della protezione del piede.

Stivali – Disponibili in varie altezze, rappresentano la scelta migliore per le giornate più fredde o per chi vive in zone proibitive dal punto di vista climatico.

Come scegliere la scarpa giusta

Subito dopo la nascita il piede del bambino è piatto, per questo per i primissimi mesi di vita è consigliato evitare l’utilizzo di scarpine e proteggere il piede con calze più o meno grosse, a seconda della stagione. Quando invece il bambino comincia a muovere i primi passi è possibile accompagnare l’attività del piede e lo sviluppo della sua muscolatura con la giusta calzatura. In questa fase sono consigliate calze antiscivolo, pantofoline leggere o simil-snakers in miniatura, purché morbide e funzionali.

Scarpe invernali per bambini da 1 a 3 anni

Per questa fascia d’età tendenzialmente le misure variano dal 19 al 27. Sono consigliati i materiali naturali e un’ampia flessibilità della parte anteriore della calzatura, per favorire i movimenti. È inoltre consigliato lasciare un centimetro di spazio fra l’alluce e la punta della scarpa, in modo tale da consentire la crescita naturale del piede, che generalmente nei primi anni è piuttosto veloce.

Scarpe invernali per bambini dai 3 anni in su

Superati i tre anni si possono fare altri tipi di scelte, tenendo conto di fattori diversi come la robustezza o lo stile del modello. Assicuratevi comunque che le scarpe siano comode e abbastanza flessibili, per accompagnare il movimento del piede del bambino. È inoltre importante che la calzatura sia: leggera per non limitare il bambino nel gioco e nella corsa; robusta per proteggerlo da eventuali urti.

Come scegliere il numero di scarpa

Cosa fare:

Misurare il piede – La soluzione più efficace

Tenere conto del piede più lungo – Difficilmente i piedi hanno la stessa lunghezza, per questo è importante regolarsi in base al piede più lungo.

Testare la misura delle scarpe – I numeri variano a seconda delle marche, misurate con attenzione ogni scarpa.

Lasciare spazio alla crescita – La quantità di spazio “vuoto” da lasciare è di almeno 1 cm. A riguardo ricordate di misurare i piedi ogni 2 mesi e che le scarpe siano adeguate.

Cosa non fare:

Appoggiare la scarpa al piede – La lunghezza interna di una calzatura non può essere stabilita dall’esterno, poiché più piccola.

Premere il pollice sulla punta – No, non è un sistema adeguato. Perché spesso i bambini, per reazione, ritirano le dita.

Chiedere al bambino – La risposta, probabilmente, sarà quella sbagliata.

no comment

Add your comment

Your email address will not be published.